La terza sezione della mostra Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco pone l’accento sul carattere impetuoso della pittura di Rubens, attraverso un confronto di varie opere.

Giovan Pietro Bellori, nella sua biografia Vita di Rubens, riesce a cogliere pienamente lo spirito impetuoso della pittura dell’artista: “Alla copia delle sue invenzioni e dell’ingegno, aggiunta la gran prontezza e la furia del pennello, si stese la mano di Rubens a tanto gran numero d’opere che ne sono piene le chiese ed i luoghi di Fiandra”.

Lo stesso Rubens era consapevole della carica rivoluzionaria della sua arte, come testimonia la lettera del 1621 a William Trumbull, in cui leggiamo: “Un’opera, per quanto in essa sia grande il numero e la varietà delle cose da raffigurare, non ha mai superato il mio coraggio”.

peter-paul-rubens-massacro-degli-innocenti

In opere come Il Massacro degli innocenti è evidente l’energia di forze contrapposte che caratterizza la pittura rivoluzionaria di Rubens.

In questa terza sezione saranno messe a confronto opere del pittore protagonista della mostra con quelle di artisti come Pietro da Cortona e Luca Giordano.

ACQUISTA IL BIGLIETTO