La grande mostra d’autunno di Palazzo Reale è dedicata quest’anno a un artista centrale per la storia europea, ma ancora poco conosciuto in Italia: Pietro Paolo Rubens. Dal 26 ottobre 2016 al 26 febbraio 2017 potremo ammirare un corpus di oltre 70 opere, che comprendono i dipinti del pittore fiammingo e degli altri protagonisti del Cinquecento.

L’eredità di Rubens

La prima sezione della mostra, Nel mondo di Rubens, fa entrare da subito lo spettatore nell’intimità dell’artista e della sua famiglia.

Grande pittore ma anche “maestoso” e “umano” – come testimoniano le parole del biografo Giovan Pietro Bellori – Rubens esprime il suo affetto per i familiari anche nei quadri, ad esempio nel Ritratto della figlia Clara Serena che possiamo ammirare in questa prima sezione. A confronto Il Ritratto di giovinetto del Bernini, a testimonianza dell’influenza delle invenzioni barocche di Rubens sui suoi contemporanei.

ritratto_serena-big

Passato e presente

Il percorso continua con una serie di quadri  i cui soggetti sono amici del pittore fiammingo, come il filosofo Justus Lipsius o l’umanista cattolico Gaspar Schoppe.

Spicca nella sezione il grande dipinto Seneca morente, ritratto del grande filosofo del mondo romano che fu un modello di saggezza per Rubens.

L’antico è una fonte infinita di ispirazione per l’artista, come si vede anche nell’Apoteosi di Germanico. Lo scoprirai a Palazzo Reale con questa mostra imperdibile.

ACQUISTA IL BIGLIETTO