Dal 26 ottobre 2016 al 26 febbraio 2017 Palazzo Reale ospiterà la mostra Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco. Ma di cosa parliamo quando parliamo di Barocco? Quali sono le caratteristiche di questo stile? Vediamolo insieme attraverso alcune opere presenti alla mostra di Milano.

Il termine “Barocco” inizia a essere utilizzato nel Settecento, per descrivere un movimento artistico che comprendeva pittura, scultura, architettura e letteratura.

Già verso la fine del Cinquecento si intravedono tracce di questo stile, di cui Rubens è uno dei precursori nel campo della pittura. Dalla decorazione dell’altare della Chiesa Nuova di Roma appaiono i primi indizi barocchi, come l’utilizzo del colore e l’energia delle figure che danno impetuosità e movimento alle scene rappresentate.

Un esempio si può vedere nel quadro Marte e Rea Silva, che mostra il dio della guerra nell’atto di sedurre la vestale. L’opera è energica e presenta un impianto dinamico, come si nota dal movimento del mantello mosso dal vento e dalla posizione di Marte, con un piede sulla nube e uno sulla terra.

whatsapp-image-2016-10-28-at-14-03-18-2

Come accennato, il Barocco riguardò anche la letteratura, che in Italia prese la forma del marinismo. Caratteristiche della corrente capitanata da Giovan Battista Marino furono il rifiuto del classicismo, il principio della meraviglia e l’uso abbondante di metafore e simboli. Inoltre, come nella pittura di Rubens e dei suoi seguaci, le opere attingevano spesso a temi mitologici e bucolici.

L’arte di Rubens è imprescindibile per capire la nascita del grande movimento del Barocco. Per scoprire le opere del suo maggiore precursore, visita la mostra a Palazzo Reale, dal 26 ottobre 2016 al 26 febbraio 2017.

ACQUISTA IL BIGLIETTO